Rimozione amianto Padova: come fare e quanto è importante

L’amianto è un materiale di origine minerale, composto da silicio e ossigeno. La sua principale caratteristica è la resistenza al calore, alla corrosione e all’usura. Fin dagli anni ’40 del secolo scorso l’amianto è stato utilizzato largamente in edilizia per le sue proprietà isolanti.

L’amianto è un materiale di origine minerale, composto da silicio e ossigeno. La sua principale caratteristica è la resistenza al calore, alla corrosione e all’usura. Fin dagli anni ’40 del secolo scorso l’amianto è stato utilizzato largamente in edilizia per le sue proprietà isolanti.

Rimuovere l'amianto in modo corretto è fondamentale per proteggere la propria salute e quella delle persone che vivono vicino a noi. Per capire come procedere alla rimozione dell’amianto abbiamo fatto alcune domande ad Alter Eco srl, azienda specializzata nella rimozione dell'amianto a Padova, e abbiamo racchiuso in questo articolo tutte le informazioni utili per te.

Perché rimuovere l’amianto

L’amianto è un minerale di origine naturale che, pur essendo stato utilizzato per secoli nelle costruzioni, non è stato scoperto fino alla metà dell’Ottocento. Successivamente, con l’avvento delle industrie e la crescita della produzione di materiali sintetici, l’amianto ha iniziato ad essere impiegato in modo diffuso sia nelle costruzioni, sia civili che industriali. Ma negli anni Novanta del Novecento sono emersi i rischi associati all’inalazione di questa sostanza: l’amianto è infatti un cancerogeno molto potente, che può causare il cancro ai polmoni (il mesotelioma) e altre patologie anche gravissime.

Ecco perché è molto importante rimuovere l’amianto dalle strutture dove è presente. La legge prescrive che tutte le strutture contenenti amianto debbano essere rimosse.

Cosa dice la legge

La legge prevede che la rimozione dell’amianto debba essere effettuata da professionisti qualificati e che il materiale rimosso venga smaltito in appositi impianti.

Ad occuparsi del tema dell’amianto è la legge numero 257 del 1992. Da questa data è stato vietato l’utilizzo del materiale e ci si è mossi per poter trovare delle soluzioni; non si tratta della prima legge, già nell’86 il Ministero della Sanità aveva indicato la pericolosità del materiale e ne limitava l’utilizzo. Per poter arrivare ai giorni d’oggi però sono servite molte più evoluzioni della legge. L’ultima è il D.Lgs del 9 aprile del 2008 che sostituisce le leggi precedenti e va a integrarle diventando un testo unico sulla salute e sicurezza.

Nell’ultima revisione viene richiesto un intervento tempestivo per poter mettere in sicurezza gli ambienti, sia residenziali che di lavoro, in cui compaiono ancora porzioni di questo pericoloso materiale. Vengono proposte soluzioni efficaci come il confinamento o l’incapsulamento; la rimozione totale è richiesta solamente quando lo stato dell’eternit è deteriorato e diventa quindi impossibile adottare una delle soluzioni precedentemente citate.

Rimozione amianto a Padova: i metodi consigliati

L'amianto è un materiale pericoloso, se non rimosso correttamente può provocare seri problemi alla salute. Ecco perché è molto importante rivolgersi a professionisti qualificati per la rimozione amianto. I metodi di rimozione validi sono diversi, a seconda della tipologia di amianto e della quantità presente.

  • Confinamento - Il confinamento dell'amianto rappresenta una soluzione provvisoria che viene utilizzata quando non è possibile rimuovere l'eternit in tempi brevi per ragioni di sicurezza. Il materiale rimane all'interno delle sue strutture originali e viene coperto con appositi teli per evitare la dispersione di fibre nell'ambiente.
  • Rivestimento - Il rivestimento dell'amianto è un metodo di rimozione che può essere considerato molto efficace. In questo modo, infatti, l'amianto viene ricoperto con un materiale che lo protegge completamente dagli agenti atmosferici e dalla corrosione. Questa soluzione è consigliata quando si ha a che fare con lastre di amianto piuttosto grandi, perché in caso contrario potrebbe essere necessario rimuoverle totalmente.
  • Incapsulamento - L'incapsulamento dell'amianto è una tecnica che permette di proteggere l'area contaminata dagli agenti inquinanti. In particolare, viene utilizzato per il confinamento dell'amianto friabile. Il principale vantaggio dell'incapsulamento è la capacità di evitare la dispersione di fibre nell'aria. L'incapsulante agisce infatti come una barriera tra l'amianto e l'ambiente esterno, impedendo quindi alle fibre di volatilizzarsi. Oltre a questo, l'incapsulamento garantisce anche una maggiore sicurezza in caso di rottura dei materiali contenenti amianto.

Post più Popolari

1

5 modi in cui gli animali domestici migliorano la nostra vita

Novembre è uno dei mesi migliori per adottare un animale domestico. Ci sono una serie di motivi...

2

Che cosa è la fermentazione?

La fermentazione del cibo è da sempre una delle pratiche più utilizzate dall’umanità. Grazie a...

3

Chiropratico per anziani, quali sono i benefici

Con l’arrivo della vecchiaia sono molti i problemi che si possono presentare, anche in maniera del...